Portoferraio

Portoferraio

Il capoluogo dell'Elba

Portoferraio è l'approdo al quale si arriva prendendo il traghetto da Piombino e troppo spesso questo paese è percepito soltanto come un luogo di transito, sfuggendo totalmente all'attenzione dell' ospite distratto. Peccato, perchè è una città ricca di storia e di bellezza. La eresse Cosimo primo De Medici, signore di Firenze, come roccaforte inespugnabile: la dotò di possenti mura e la chiamo Cosmopoli. Era il 1548. Il corso della storia ha reso più volte protagonista quest'isola e questa città, ai tempi isola nell'isola, accessibile attraverso un ponte levatoio e circondata totalmente dal mare. Adesso purtroppo il ponte levatoio non esiste più e Cosmopoli/Portoferraio è legata al resto dell'isola da una lingua di asfalto, ma i portoferraiesi continuano a chiamare "Ponticello" il luogo che anticamente era l'entrata della cittadella fortificata.

Nominato capoluogo dell'isola da Napoleone Bonaparte, fu proprio l'arrivo dell'imperatore, esiliato qui nel 1814, a far sì che Portoferraio conoscesse il suo periodo di massimo splendore. Oggi è possibile visitare le sue dimore: la Villa dei Mulini e la residenza di San Martino. La prima fu costruita nel 1724, venne riadattata per volere di Napoleone e dotata di un ampio salone delle feste. Splendidi gli arredi dell'epoca, la biblioteca ed il giardino. La residenza di San Martino è circondata dalla campagna e sorge a poco più di 5 km dal paese. Meravigliosa la facciata neoclassica, con l'ingresso principale inquadrato da quattro colonne sostenenti un frontone. Essendo il centro più grande dell'isola, Portoferraio è una località sempre piena di gente e colma di eventi. Da non perdere il festival internazionale di musica classica e jazz "Elba Isola Musicale d'Europa", organizzato a settembre in varie località dell'isola. A Portoferraio l'evento ha luogo all'interno del Teatro dei Vigilanti, antica chiesa trasformata in teatro su indicazioni di Paolina Bonaparte.

Come arrivare alla spiaggia

Le spiagge di Portoferraio sono tante e tutte bellissime. Quella della Padulella è circondata da alte falesie che si tuffano nel mare azzurro. Si estende per 170 metri ed è costituita da ciottoli bianchi levigati. È raggiungibile percorrendo la strada che da Portoferraio conduce alle Ghiaie e seguendo le indicazioni per Padulella, Enfola. Da qui è possibile ammirare un panorama meraviglioso che inquadra le imponenti mura medicee. Vicinissima al centro, la spiaggia delle Ghiaie è famosa per la bellezza dei suoi fondali: si estende per 300 metri, fa parte di una zona di tutela biologica e sorge nei pressi dei giardini pubblici. È facilmente raggiungibile dal porto, anche a piedi. Le Viste è un arenile stupendo, situato in prossimità del centro storico e vicino a Villa dei Mulini e a Forte Falcone. La vicinanza a questi siti l'ha resa una delle spiagge più fotografate dell'Elba. È costituita da sabbia candida e piccoli ciottoli e la maniera più facile per raggiungerla è quella di seguire le indicazioni per Villa dei Mulini. La spiaggia di Capo Bianco è formata da ciottoli bianchi prodotti dall'erosione delle falesie alle sue spalle. Protetta da ripide scogliere, offre acque trasparenti e ricche di riflessi azzurri e turchesi. Per raggiungerla è necessario svoltare a destra sul viale che conduce alle Ghiaie, subito dopo essere usciti dal centro storico, quindi proseguire per un km fino a trovare le indicazioni. La strada termina in un ampio piazzale che domina la spiaggia ed una scalinata conduce fino a riva. La spiaggia di Sansone è una cartolina, inquadrata da uno scoglio e da un grande faraglione, ospita uno stabilimento balneare ed un piccolo bar. Per raggiungerla bisogna percorrere la provinciale Portoferraio–Enfola per 4,5 km, quindi fermarsi all'altezza delle indicazioni per la spiaggia. Dopo aver parcheggiato, bisogna superare la spiaggia della Sorgente, il campeggio sulla sinistra e risalire il promontorio che separa le due spiagge. Scaglieri è un altro capolavoro della natura, situata nel golfo della Biodola e composta di sabbia dorata. Per raggiungerla bisogna percorrere la provinciale che da Portoferraio porta a Marina di Campo, quindi svoltare a destra dopo 6 km, in direzione la Biodola. Poco prima di raggiungere la Biodola fa capolino una deviazione, ben segnalata, che conduce all'arenile. A breve distanza sorge un'altra meraviglia, la spiaggia della Biodola. Immersa nella natura, questa spiaggia è uno scorcio di incredibile bellezza: 600 metri di sabbia dorata, bordata dalla macchia mediterranea che in alcuni punti arriva a sfiorare il mare. Per raggiungerla basta imboccare la statale che conduce a Procchio, quindi seguire le indicazioni e scendere per circa 2 km lungo la deviazione ben segnalata.